Visualizzazioni totali

Simply

martedì 15 novembre 2016

MAC Nutcracker Sweet collection: testing time!

I soldatini del makeup natalizio della MAC Nutcracker Sweet


A Natale si è tutti più buoni, si dice. Per le collezioni di makeup possiamo dire sicuramente che sono tutte più... belle! Si rifanno il look, s'imbellettano ed infiocchettano. E così che riescono ad "acciuffarci" e a farsi portare a casa con noi. Letteralmente incantata dal packaging, ho acquistato parte della collezione MAC Nutcracker Sweet.

Ispirati al balletto di Čajkovski, sono i coloratissimi soldatini della favola, con costumi viola e fucsia bardati d'oro, con l'inconfondibile cappello a cilindro nero. Tra le mie scelte ho preso un bellissimo cofanetto che sembra uno scrigno, contenente 4 pigmenti in mini size


Io e i pigmenti MAC, un amore che precede la MAC Nutcracker Sweet Collection

Vado matta per i pigmenti MAC, li reputo davvero tra i migliori che abbia mai provato. Fallout minimo, colori iridescenti e sfumature sempre nuove. La stesura sulla palpebra non presenta particolari problemi, basta solo un po' di accortezza dovuta alla natura in polvere libera del pigmento stesso. Mi trovo bene ad applicarli anche senza primer specifico, a differenza dei glitter che invece preferisco fissare in maniera più solida.


Il cofanetto

Un cassetto decorato in nero e oro e borgogna e fucsia, che attraverso un nodo dorato scivola rivelando il suo tesoro. 

 
Quattro tonalità dai caldi riflessi dorati: 
 
 
  • English Gilt champagne aureo
  •  Heritage Rouge un viola borgogna dall'intensa componente rossa
  •  Gold, glitter a 24 carati
  •  Reflects Rust a metà tra pigmento e glitter, in colore ruggine

Il mio look

 
Ho realizzato questo makeup utilizzando i pigmenti di questo kit, senza glitter. Nella parte esterna della palpebra ho applicato Heritage Rouge, che mi ha permesso una buona definizione dell'occhio. Solitamente utilizzo colori opachi a questo scopo ma questo particolare pigmento ha un effetto cangainte delicato e si è rivelato molto interessante. Come colori di transizione, colori matte aranciato e marrone medio caldo, per dare tridimensionalità un marrone più scuro applicato localmente solo nella piega dell'occhio. Nell'angolo interno, che necessita di un bel punto luce, ho usato English Glit. Nella parte centrale Reflects Rust, che mi ha lasciata un tantino perplessa. Il colore infatti, applicato trascinandolo o soltando applicandolo a piccoli tocchi, risultava decisamente chiaro e sheer. Non aveva l'effetto wow che stavo cercando. Bagnando il pennello però, ha rivelato un'esplosiva forza cromatica, assumendo dei connotati foiled particolari. Non è molto facile da lavorare, ma il risultato val bene lo sforzo!